Il Buongiorno di questa mattina è all’insegna della moda e degli animali. Sì perché finalmente anche il re dell’Alta Moda italiana, Giorgio Armani, ha deciso di schierarsi contro le pellicce.

Una notizia che in tanti aspettavano da tempo e che finalmente arriva, scatenando l’entusiasmo di molti amanti degli animali e di coloro che ormai sono sensibili al tema della loro tutela.

Armani, dopo anni di polemiche e di discussione, abolisce le pellicce da tutte le sue collezioni, a cominciare dal prossimo autunno-inverno. Dalla linea Emporio a quella Giorgio Armani tutte le proposte saranno «fur free».

«Sono felice di annunciare il concreto impegno del Gruppo Armani alla totale abolizione dell’uso di pellicce animali nelle proprie collezioni. Il progresso tecnologico di questi ultimi anni ci ha consentito di raggiungere valide alternative, che rendono inutile il ricorso a pratiche crudeli nei confronti degli animali. Proseguendo il processo intrapreso da tempo, la mia azienda compie quindi un passo importante che testimonia la particolare attenzione alla salvaguardia e al rispetto dell’ambiente e del mondo animale».

Ad annunciare la notizia lo stesso Re Giorgio in accordo con la Fur Free Alliance.  Joh Vinding, Presidente della FFA, ha commentato: “la scelta di Armani dimostra che gli stilisti e i consumatori possono avere sia libertà creativa sia prodotti di lusso senza per questo ricorrere alla crudeltà verso gli animali”.

Un grande passo insomma per la moda. Un passo storico, che da tempo si aspettava. Come ha dichiarato la stessa Lav.

Prima di Giorgio Armani sono stati in tanti a dire basta alle pellicce, ma da uno dei simboli per eccellenza del fashion questa decisione ha un peso fondamentale, che sicuramente porterà tante aziende a considerare questa scelta etica e animalista.

Pioniera in questo settore è stata Stella McCartney, seguita da stilisti come Hugo Boss, Tommy Hilfiger e Calvin Klein.

In Italia sino ad ora è stata però una donna e una stilista di talento e impegnata come Elisabetta Franchi a farsi portavoce di questa iniziativa. Già 5 anni fa infatti la Franchi ha abolito le pellicce nelle sue collezioni, arrivando l’anno scorso ad eliminare anche le piume.

Pochi mesi fa la stilista è salita in passerella con un messaggio forte contro la violenza sugli animali e il circo.

 La moda cambia, muta e non sta a guardare.

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest