L’attesa è ormai finita e da qualche giorno anche in Italia è possibile vivere una nuova esperienza di gioco per bambini ma non solo. Sto parlando di Nintendo Labo, una nuova frontiera in fatto di videogame che qualche settimana fa ho avuto il piacere di provare in anteprima al fianco della mia famiglia ed è stata letteralmente amore a prima vista. E’ piaciuta a mia figlia Sofia per le tante attività proposte, per l’originalità dell’esperienza e per il coinvolgimento di sé al nostro fianco in un gioco dalle mille sfaccettature, ma diciamo la verità è piaciuta moltissimo anche a me e a mio marito perché abbiamo scoperto un modo nuovo di giocare, divertente, intelligente, stimolante e coinvolgente.

img_8044.jpg

Nintendo Labo è un’assoluta novità perché affianca all’esperienza di successo della Nintendo Switch speciali kit che danno la possibilità di assemblare differenti forme di cartone che combinate alla tecnologia della console trasformano le idee in realtà.

Ebbene sì avete capito bene! Questa nuova frontiera di gioco parte dal cartone, uno dei materiali più semplici, più datati e più economici di sempre. Non avrei mai immaginato che l’incontro tra il cartone e la tecnologia potesse un giorno avvenire e per di più dar vita a qualcosa di così divertente e attraente.

A tal proposito non sorprende che sia stato proprio Nintendo, da sempre sinonimo di innovazione nel campo
dell’intrattenimento digitale,a pensarci.

Ma come funziona?

In ogni kit troverete alcuni fogli di cartone che, seguendo le istruzioni, vi daranno la possibilità di dar vita alle vostre creazioni interattive chiamate T0y-Con, progettate per funzionare con la console Nintendo Switch e i controller Joy-Con.

 

Da un pianoforte a una motocicletta, passando per un robot e molto altro, i Toy-Con prendono vita quando vengono combinati con Nintendo Switch.

img_8048.jpg

Tra i vari Toy-Con disponibili ce n’è uno che replica un pianoforte a 13 tasti perfettamente funzionante: una volta aggiunti una console Nintendo Switch e un Joy-Con destro, gli utenti potranno eseguire i brani che preferiscono. La telecamera IR di movimento nel Joy-Con destro rileva quali tasti vengono premuti e riproduce le note tramite l’altoparlante della console. I musicisti in erba potranno anche sperimentare con le proprie creazioni musicali.

Ma sono tante le possibilità offerte da Nintendo Labo: dalla macchinina da decorare come più vi piace e con cui fare gare tra amici fino alla canna da pesca con cui mettersi alla prova nel catturare più pesci.

a5a3bf9a-97d9-4014-a4cb-34997ec600b6.jpg

Tra le tante esperienze di gioco una delle più divertenti è sicuramente quella del Kit Robot: assemblando una tuta da robot indossabile e inserendo i Joy-Con destro e sinistro negli alloggiamenti sullo zaino e nel visore è infatti possibile prendere il controllo di un robot, che viene mostrato sulla TV quando la console Nintendo Switch è inserita nella
sua base. Non ho resistito e l’ho provata io stessa. Il risultato? Mi sono divertita come una bambina!

img_8036.jpg

Nintendo Labo è infatti un’esperienza di gioco che diverte e che conquista ogni fascia d’età perché combina diverse attività: dalla creatività alla fantasia, dalla concentrazione alla strategia…

E’ questo il motivo del perché oltre a piacere ai bambini piace ai loro genitori: non più una console che regala un’esperienza sì divertente ma spesso solitaria e che troppo spesso accantona la fantasia, ma qualcosa che stimola l’intelligenza, la curiosità, l’interesse del bambino, oltre a regalare un passatempo da fare insieme con la propria famiglia.

img_8030.jpg

Qui il servizio di Costume e Società su Nintendo Labo e l’anteprima a Milano

 

 

 

 

 

 

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest